Una nave solitaria // Ára bátur

La vita ha deciso che la mia libertà non è divisibile in due. Ogni volta che si è presentata l’occasione, ogni volta che ho dovuto spalancare la porta e fare un grande passo avanti. La mia libertà non si divide per due, può stare nel mio cuore e non nel suo, non nel tuo. Prendi le tue cose, riempi la tua scatola, fa’ un fagotto ed esci dal retro. La mia libertà mi reclama intero, come un sasso perfettamente rotondo, levigato dal mare. Come la sabbia perfettamente nera di Vík.

Ho forzato il destino, ho chiesto aiuto alle nuvole a cavallo del vento. Quante notti passate nella speranza di averla con me. Ma il mio viaggio ha una sola corsia. La mia nave qualche legno marcio e un solo remo; se fossimo in due ci perderemmo. Se fossimo in due ci inghiottirebbero gli abissi. Ho sempre cercato di tenere stretto qualcuno, o di tenermi stretto. Ho sempre cercato di appartenere a uno sguardo, o che uno sguardo mi appartenesse fino in fondo, fino al punto in cui la pupilla incontra il fuoco perpetuo che ci brucia l’anima. Ma la mia anima, la mia libertà, è una barca con un solo remo. Questo viaggio ha un solo capitano. Il mio cuore non è divisibile in due. Non ancora. E non più.

Eppure, mentre lascio questo porto, mentre prendo il largo e osservo nella foschia le sagome degli edifici che costeggiano la banchina e i volti di chi mi lascio indietro, fingo di avere i tuoi occhi “come un amuleto, nella tasca interna del giubbotto”. Ci abituiamo a portare dentro chi non siamo riusciti ad avere accanto. E svaniamo nella foschia che ci allontana da casa. Una radice ferita e ancora pulsante. Una nave solitaria. Ára Bátur.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...