23 settembre 2015. L’una di notte.

Verona
Verona

Questa sera passeggio per le strade di Verona e sono solo. Gli amici sono andati via da un po’, non ho più il cappello in testa, il concerto è finito e con quello l’artificio. Tutti i negozi sono aperti, solo gli ubriachi si siedono sulle panchine, che altrimenti resteranno vuote. Mi correggo, gli ubriachi o gli scrittori con i quaderni in mano. Mi sento stupido, ma non posso fare altro. In fondo, non posso essere altro. Sono tornato a Verona molte volte, ma non sono stato mai da solo, di notte, subito fuori dall’Arena e nelle vie rumorose del centro. Voci italiane, straniere, voci che cantano, che ridono, che raccontano e che pregano, non so cosa e non so chi. Sono strano questa sera, inquieto, forse per colpa di una manciata di canzoni. C’è Verona rumorosa, ma non troppo, abbastanza discreta da lasciarmi tempo e spazio per pensare. Qualche cameriere prova a offrirmi un posto a sedere, un piatto caldo o anche solo qualche cosa da bere. Qualcuno fuma sigarette sotto una colonna, c’è anche una bottiglia vuota su cui ha pisciato distrattamente un cane. Nessuna automobile dà fastidio al ronzio delle stelle. Questa sera mi sono seduto su una panchina a Verona e ho aspettato. Aspettato cosa non si sa. Aspettato che i pensieri tornassero da me dopo giorni di incertezza e confusione, che la ragione, o i ricordi, tornassero a farmi compagnia. In un secondo ho ripensato a tutti i sogni che abbiamo gettato giù da questo ponte, o piantato in questa Arena, come le bandiere alte e prepotenti della nostra età. Era bello l’amore, quando si occupava solo dei giorni che mancavano a Natale e delle luci accese, dei regali da scartare. Era bello quel mondo leggero e senza ombre di cui non è rimasto niente, un po’ come il negozio di Lacoste in cui non volevo entrare: ora è diventata una gelateria artigianale, già chiusa a quest’ora, nemmeno utile a togliersi un momentaneo appetito. Tutti i sogni che avevamo, semplici come un cappello di lana sulla testa per proteggersi dal gelo, come le mani nelle mani e due baci congelati e ingenui. Non era altro che questo, l’amore. La semplicità di una panchina e di una merenda da finire, delle ore rapide da far passare. Bianco come il Natale. Una sola parola, senza puntini di sospensione e senza scuse. Era una sera a Verona, e una stella bianca piantata davanti all’Arena. Il tempo ha spento ogni luce e si può solo ricordare. Stasera che sono solo, che nessuno mi vede, né mi parla, né si cura di me. Il tempo si è fermato, si è già fatta l’una e vado via.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...